La rincorsa dell’ego

Sembra di conoscerci da sempre

Il sesso?

Adesso è solo abitudine.

I silenzi?

Rigano il volto di noi ignavi.

E io mi perdo.

Rimugino.

Come un uccello in gabbia.

Libertà,

egoismo, solitudine.

Tutto mi osserva,

lontano o vicino,

prova a sentirmi.

La paura è solo una parola,

un anello spezzato

un’immagine elaborata

e poi sputata.

Fa bene, fa male

io rimango qui.

Daniele Altina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...