Molisani che non ti aspetti.

Breve rassegna sui vip regionali.

All’inizio della lettura poniamoci una domanda: Cosa fanno sulla stessa pagina Robert De Niro, Alessandra Mastronardi, Antonello Venditti, Elio Germano, Herbert Ballerina, Aldo Biscardi, Domenico Iannacone e Antonio Di Pietro? La risposta è più semplice di quanto si pensi. La molisanità è un tratto distintivo che accomuna questi artisti. L’elenco sarebbe ancora più lungo, non basterebbe un articolo.

Procediamo per gradi.

Robert De Niro ha origini molisane, i suoi nonni erano di Ferrazzano, un borgo alle porte di Campobasso. Attualmente possiede la cittadinanza onoraria di quel comune, ed è iscritto nelle liste elettorali ferrazzanesi. Il sogno ricorrente? Eleggere sindaco il Toro Scatenato. Tuttavia c’è almeno una curiosità da sapere su De Niro: il suo cognome è Di Niro, ma negli Stati Uniti a causa della pronuncia, o un semplice errore di trascrizione la I della prima parte del cognome (Di) è diventata E (De). Negli ultimi anni invece, a seguito dell’elezione di Trump a lui molto ostile, ha affermato ironicamente di voler tornare in Molise. Lo aspettiamo.

Ancora…

Alessandra Mastronardi, la celebre Eva de I Cesaroni, ha i genitori (per la precisione il padre) provenienti da VillaCanale, una frazione di Agnone(Is). Sin da bambina trascorreva l’estate nel borgo altomolisano, dove ha tuttora amici e parenti. Nonostante il successo sente spesso la nostalgia per la terra paterna. La vita semplice e genuina sono la giusta cura dopo periodi vissuti molto intensamente.

E poi…

Antonello Venditti, l’autore di Grazie Roma e tantissimi altri testi che ci accompagnano da quasi un cinquantennio è figlio di un molisano. Suo padre Vincenzino Italo era nativo di Campolieto (Cb). Il suo cognome è tipicamente molisano. Per anni si è pensato, quando ancora non si sapeva, o semplicemente era ignorata la piccola regione, che giungesse dall’ Abruzzo, la terra cugina. Quante volte abbiamo ascoltato le sue canzoni e ovviamente non ci è mai importato della sua provenienza. Ora che lo sappiamo,c’è un motivo in più per essere orgogliosi.

Come dimenticare Luigi Luciano, in arte Herbert Ballerina? Colui che negli ultimi anni insieme a Maccio Capatonda ci ha strappato le migliori risate. Ebbene Herbert è di origini campobassane. L’attore, produttore radiofonico e cinematografico, è uno dei personaggi più attivi nel mondo della comicità. Memorabili sono le scene girate con Checco Zalone nella pellicola Che Bella Giornata. Una su tutte riguarda una donna anziana che ruba nel supermercato, lui nei panni di una guardia prova a denunciarla, ma la signora ribalta la situazione colpevolizzando Herbert. Non solo questo. La molisanità compare nel suo viso e negli atteggiamenti. Impossibile non riconoscerlo come uno dei nostri.

È il turno di Elio Germano, uno degli attori più rappresentativi e interessanti del panorama cinematografico italiano. Di lui ricordiamo pellicole come Mio Fratello è figlio unico, Il giovane favoloso, L’ultima ruota del carro (girato insieme alla Mastronardi) e Romanzo Criminale il Film. L’attore proviene da Duronia, un paesino a 918 m s.l.m. in provincia di Campobasso. Elio Germano torna spesso in Molise. Ha partecipato alla manifestazione Cammina Molise con percorsi a piedi dedicati alla scoperta di numerose località.

Il compianto Aldo Biscardi è un altro vip della terra molisana. Infatti il giornalista sportivo proveniva da Larino, un centro in provincia di Campobasso. Quanti di noi ricordano la sua simpatia e i toni accesi? Tutti. L’uomo della moviola in campo è amato e ugualmente stimato dappertutto. Si è sempre contraddistinto per la sua umiltà. L’amore per la propria terra era a tal punto da sentirsi frequentemente con i suoi amici di infanzia e intrattenere lunghe chiacchierate sugli avvenimenti locali. Non è un caso che la sua società di produzione si chiamasse Frenter Comunication, in onore di Larino, la città frentana per eccellenza.

Un altro giornalista molto famoso per le sue inchieste e per i suoi Dieci Comandamenti è Domenico Iannacone. La sua famiglia ha origini per metà di Frosolone (la madre) e Torella del Sannio (lato paterno). Con i due paesi distanti l’uno dall’altro circa una decina di chilometri, egli conserva ancora un legame molto stretto. Chi scrive è testimone delle sue visite a Frosolone, ed è pienamente partecipe agli incontri con la gente del luogo. Il Molise è sempre al centro dei suoi pensieri, infatti nella trasmissione di Rai 3 compaiono alcune puntate interamente dedicate.

Infine Antonio Di Pietro, per i più intimi Tonino. Il Pubblico Ministero del pool Mani pulite, che ha sgominato Tangentopoli è di Montenero Di Bisaccia, una delle poche località marine che offre la nostra regione. In questo elenco probabilmente non si riconoscerebbe e affermerebbe: “Che c’azzecca il mio nome?”. Non ce ne voglia. Queste poche parole descrivono tutto il suo attaccamento alla regione. Un uomo genuino, abituato al sacrificio della campagna prima e alla vita dell’operaio in Germania poi. Integerrimo, è la persona che incarna la legalità per eccellenza. Porta con sé la terra che gli appartiene, infatti risiede attualmente a Montenero.

Termina qui la rassegna più approfondita. Una menzione anche per Benito Jacovitti, il fumettista di Cocco Bill, che con il suo sorriso rappresenta l’enorme cuore dei molisani. Scaltro e generoso. La terra sannita è descritta nella sua interezza attraverso i tratti di questi personaggi. Dovunque si trovi il molisano conserva allegria, leggerezza e spirito di sacrificio.

Daniele Altina    

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...