Le frasi banali dell’8 marzo

Quando ho deciso di dar vita a questo blog, ho pensato che fosse importante trascrivere le mie sensazioni di una giornata, di una settimana, di un mese oppure di un intero anno.  Ho sempre creduto nella necessità di riportare la banalità del quotidiano percepita in strada, o sui vari media, affinché potesse offrire spunti di novità a me e a chi mi sta seguendo.

In occasione della festa della donna voglio riportare alcune frasi che suscitano allo stesso tempo riso e riflessione:

  1. La festa della Donna è ogni giorno, non solo l’8 marzo.
  2. Le donne sono il motore della società.
  3. La donna non va sfiorata neanche con un fiore.

Da queste ovvietà si desume facilmente che già domani ricomincerà, da parte di alcuni, la mancanza di rispetto nei confronti delle donne, e molti penseranno che trascorso l’8 marzo si continuerà a mettere in sordina il genere femminile. Già, ho scritto genere, secondo me le donne costituiscono un universo parallelo rispetto a noi uomini. Alcune volte è riduttivo dire che esse sono la grazia e la dolcezza del mondo, e soprattutto rappresentano il lato razionale del genere umano.

Di pari passo con le frasi banali convivono altrettanti gesti, forse insignificanti, che per alcuni sono espressione di tradizione, di vero amore, penso in particolare al dono della mimosa. Molti uomini sono convinti che una mimosa basti a cancellare gesti brutali compiuti nel passato, come ad esempio l’infedeltà coniugale. Perdonate la nostra ipocrisia, ma alcune volte riusciamo a concepire queste piccole idee!  Purtroppo, il vero amore non è questo, avvertiamo qualcosa di forzato, pare quasi una prassi come andare in chiesa la domenica (per i credenti), oppure andare da un notaio per la notifica di un atto. La concretezza è ciò che conta di più, rimane la costante che ricordiamo sempre, allo stesso modo però, un gesto ugualmente tangibile è il rispetto.

Si percepisce come le contraddizioni costituiscono da sempre un terribile rompicapo. Ci piace immaginare che un vento gelido le spazzi via, e magari con un po’ di fantasia esso rinvigorisca solamente il lato positivo delle cose. Quindi non c’è bisogno di una festa che ricordi l’importanza della donna, ma è necessario ripartire dai piccoli gesti quotidiani, che alcune volte crediamo insignificanti. Proprio quei gesti spesso sono più graditi di qualunque altro dono.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...